adult-17329_1920.jpg

LO PSICOLOGO PER LA FAMIGLIA RISPONDE

Hai una domanda
hai un dubbio
hai una curiosità
sulla tua vita di coppia
o sul tuo rapporto familiare?
manda una mail a: psicologafamiglia@...
entro 5 giorni lavorativi troverai la tua domanda con la risposta pubblicata qui

 

dr.ssa Marzia Di Leo

DOMANDA

Ho 25 anni e abito a Udine. Ho un fidanzato con cui mi sono fidanzata all'inizio dell'anno scorso proprio prima della pandemia. Non capisco se sia perchè ci siamo potuti frequentare poco o per questa situazione, ma lo sento distante, che non soddisfa comunque il mio bisogno di affetto. Mi stavo chiedendo come faccio a capire se è lui che non va bene per me o se è la situazione. Non so se è una domanda che posso fare qui, grazie comunque se mi rispondere.

RISPOSTA

Gentile lettrice,
la ringrazio per aver scritto nella nostra rubrica.

La sua domanda è pertinente e sopratutto molto importante per lei.
Innanzitutto vorrei rimandarle una prima fantasia che ho avuto leggendo la sua richiesta e cioè che il fatto che una relazione nascente abbia resistito alla pandemia e alle sue conseguenze è un aspetto positivo. Le restrizioni sociali che stiamo vivendo hanno messo a dura prova le coppie, anche quelle consolidate, perché o l'eccessivo tempo condiviso in casa o periodi di distanza prolungati hanno fatto emergere tensioni che non sempre sono state ben gestite...molte coppie, le posso dire nella mia esperienza, hanno attraversato o stanno attraversando delle crisi. E, prima di tutto, va detto che  la crisi,  in una coppia è fisiologica quando porta all'impegno reciproco per trovare un nuovo equilibrio.
Ma vengo alla sua richiesta, non è chiaro se lei e il suo fidanzato abitiate nella stessa città o regione, ma è chiaro che lei lamenta delle carenze. È vero la situazione non rende facili le relazioni per le limitazioni pratiche, e questo deve considerarlo, ma è molto importante la domanda che lei si pone quando vuole capire se è la persona giusta per lei. Ecco, io la invito a centrarsi su questo interrogativo, a domandarsi quali sono le aspettative che ha rispetto a colui che dovrà essere il suo compagno? Quali bisogni dovrebbe soddisfare? Questi aspetti, al di là delle limitazioni pratiche rimandano alle emozioni e queste circolano e si trasmettono anche se ci si vede poco.  È importante porsi queste domande anche per comprendere se queste aspettative e bisogni riguardano la sua storia personale e quindi non possono essere riversati tutti sul proprio compagno, perché non potrebbe mai soddisfarli in pieno e la relazione così sarebbe frustrante e fonte di tensione per entrambi.
Provi a stare un po' su queste riflessioni, da queste potrà capire se il suo fidanzato, in questo momento, è quello giusto per lei e se vuole, può scrivere di nuovo per esplorare maggiormente gli spunti emersi, sarò ben lieta di ascoltarla.
La saluto calorosamente.
Dr.ssa Marzia Dileo