ScreenHunter 345.png

LO PSICOLOGO RISPONDE

HAI UNA DOMANDA? MANDACELA A psicologorisponde@apbps.it
VEDRAI LA TUA DOMANDA CON LA RISPOSTA PUBBLICATA QUI  ENTRO 5 GIORNI LAVORATIVI

 
Emailing

LE VOSTRE DOMANDE E LE NOSTRE RISPOSTE

Domanda

 

Gentili dell'associazione,

purtroppo sono in una situaizone difficile in cui non so bene come fare. Ho 35 anni e mi trovo in una situazione difficile perchè il mio fidanzato e convivente è a casa dal lavoro ormai da diversi mesi di fatto (a parte qualche giornata che lo chiamano) per i lproblema commune del covid. Io per fortuna riesco a lavorare abbastanza regolarmente, ma nel nostro rapporto qualcosa è cambiato. Non è che stiamo male o litighiamo, anzi, mi sento come se tutto fosse bloccato. Non si può e comunque non abbiano molti soldi per poter andare in giro, ma anche in casa non parliamo più di niente perchè forse non abbiamo niente da dirci, ma io ci rimango male. Non capisco se sia la situazione oppure se si tratti che tra noi è successo qualcosa. Siamo al quinto anno insieme e così... Io lo amo ancora, ma non capisco bene cosa stia succedendo, mi sembra freddo e distaccato.  Mi chiedo se non sia anche io ad avere una situazione difficile e che mi sia difficile vedere un futuro. Per esempio avevamo intenzione di fare un figlio, ma con questa situazione non ce la sentiamo più. Vorrei sapere come posso capire se si tratta di me oppure della situazione, come magari poter capire se è cambiato qualcosa in lui. Grazie mille. F


Gentile F.,

avrei bisogno di maggiori informazioni per avere un quadro più chiaro e risponderle in maniera più mirata, ma proverò ad esserle utile comunque.

Dalle sue parole mi arriva un po' di confusione e incertezza.

Premesso che il periodo storico che si sta vivendo per via del Covid, ha creato scompiglio e confusione, oltre che una maggiore tensione, insicurezza. La vita quotidiana in tutte le sfere (relazionale, lavorativa, economica, ecc.) è cambiata e non è sempre facile riadattarsi. Ogni nuova situazione, in generale, richiede un riadattamento e ognuno ha i suoi tempi e le sue modalità.

Quindi mi viene da dirle che in qualche modo è inevitabile che qualcosa possa essere cambiato anche nella sua relazione, la routine lo è, i vostri spazi e probabilmente anche le vostre certezze. Ma questo non significa che il cambiamento debba essere necessariamente in negativo o che non ci sia una via di uscita. In questo momento storico è difficile progettare e programmare a lungo termine il futuro e la propria vita, anche di coppia e questo può creare dubbi, tanto da rivalutare i propri sentimenti e la relazione, come probabilmente sta succedendo a lei. Vivere questa emergenza sanitaria può essere vista, però, come un’opportunità per pensare a dei progetti nel breve termine, di pensare di giorno in giorno a cosa si vuole davvero e cosa è importante in questo momento.

Cerchi di darsi del tempo per stare, per soffermarsi su cosa sente nel qui ed ora, anche verso il suo compagno, se sente di voler condividere con lui questa situazione di “blocco”. Può provare a soffermarsi su cosa gli piace di lui, cosa non le piace e cosa prevale tra queste. Può provare a pensare a quali sono i valori, le sue idee rispetto alla coppia su cui non può sorvolare e soprassedere e se queste sono condivide con lui.

E se non riesce a chiarire da sola questi dubbi, può provare a consultare un professionista che magari la aiuti a chiarire meglio questi pensieri ed emozioni.

Nella speranza di essere stata utile, le porgo cordiali saluti.

Dott.ssa Laura Camastra